ITALIA - Abruzzo - L'Aquila

Rocca Calascio e il borgo di Santo Stefano di Sessanio

  • Camere vista monti
  • Viaggi Enogastronomici , Self Drive (voli esclusi) , Soggiorno + escursioni , Weekend
  • 4 giorni / 3 notti
  • Lusso
  • Pernottamento e prima colazione

Proseguendo attraverso vie minori e strette, si giunge al bellissimo e incantevole borgo medioevale di Santo Stefano di Sessanio; qui lasciata la macchina, la nostra passeggiata diventa suggestiva tra le incantevoli vie medioevali e case in pietra del borgo in un’atmosfera magica fino ad arrivare a Piazza Medicea, dominata dalla torre merlata cilindrica con l’orologio e l’arco con lo stemma dei Medici che nel XVI secolo furono i feudatari del borgo. Proseguendo, poi, in macchina e salendo di altitudine si può raggiungere il meraviglioso borgo di Calascio.


Il recupero della memoria non limita la possibilità di comfort. La tecnologia subordinata all'estetica del patrimonio originario dei Borghi Medioevali abruzzesi.
Umili e accoglienti focolari, muri ed intonaci segnati dal vissuto umano, tessuti, oggetti e arredamenti poveri della tradizione locale, ciò che crea il "fascino e la magia" delle camere ricavate in "grotte", che si fonde con la tecnologia più sofisticata quale l'uso di riscaldamento a pavimento oppure l'uso di elementi contemporanei come i bagni e le vasche dal design minimalista realizzati in materiali moderni quali il corean.
Per chi vuole provare il fascino e la magia di un tempo in ambienti dove sono ancora ben visibili tutti i segni della vita passata, dai pavimenti in pietra e cotto di recupero, alle tracce della sedimentazione del tempo sulle spesse mura in pietra, alle coperte tessute. Si potrà essere avvolti da sapori e profumi di un tempo, con l'autenticità dei piatti rivisitati dai migliori chef, in cui le materie prime alimentari diventano protagoniste.

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Dettagli

I prezzi si riferiscono al pacchetto a persona per 4 giorni e 3 notti per un gruppo di minimo 12 persone
Periodo ideale: tutto l'anno


PROGRAMMA DI VIAGGIO:
1° GIORNO: ROMA - SANTO STEFANO DI SESSANIO - ROCCA CALASCIO

- Partenza da Roma in mattinata con il pullman G.T. e arrivo a Santo Stefano di Sessanio
- Visita al paese di Santo Stefano di Sessanio e pranzo libero
- Sistemazione in Albergo Diffuso in camera doppia
- Nel  pomeriggio  visita guidata a  Rocca Calascio
- Cena in un ristorante che propone un menù composto da piatti tipici, locali, preparati con passione e amore dagli chef e rispettando le tradizioni abruzzesi.


2° GIORNO: GROTTE DI STIFFE E L'AQUILANDO
- Trasferimento in mattinata e visita alle Grotte di Stiffe e l’Aquilando.
- Nel pomeriggio esperienza in canoa sulle acque gelide e cristalline del fiume Tirino con accompagnatori di Canoa Canadese e al termine cena Vestina e dal sapore storico preparata dalle cuoche dell’Agriturismo della zona


3° GIORNO: VALLE DEL TIRINO
- Tour in e-bike con pedalata assistita nella Valle Del Tirino con degustazione di vini in una cantina del  territorio! Il tour personalizzato in e-bike ti porterà a conoscere i meravigliosi borghi di Capestrano, Bussi, Navelli, Ofena , Civitaretenga e Villa Santa Lucia e/o ti porterà nei meravigliosi panorami dell’altopiano di Campo Imperatore e la Piana di Navelli
- Cena nel ristorante che propone un menù composto da piatti tipici, locali, preparati con passione e amore dagli chef e rispettando le tradizioni abruzzesi.


4° GIORNO: ROCCA CALASCIO - ROMA
- In mattinata escursione libera a Rocca Calascio
- Nel pomeriggio trasferimento in pullman e ritorno a Roma


FINE SERVIZI


Alberghi a Santo Stefano di Sessanio e a Rocca Calascio
Strutture individuate per il vostro soggiorno, luoghi unici nel loro design, per un turismo raffinato ed esigente rivolto a persone capaci di scorgere nella bellezza di questa città, la storia più autentica di questi borghi.


Tipologie di Camere a Santo Stefano di Sessanio:
- Camera Classic tipo:
accogliente camera 35 mq circa con doccia collocata in una cavità a cui si accede attraverso una piccola scalinata. Regala una piacevole ed autentica esperienza romantica; 1 letto matrimoniale.
- Camera Superior tipo:
romantica ed ampia camera di 70 mq circa con vasca da bagno ricavata in una cavità accogliente a cui si accede attraverso dei gradini e servizi inseriti in un terzo ambiente separato; 1 letto matrimoniale e 1 singolo
- Camera Executive Suite tipo:
meglio conosciuta come Suite nuziale, è una camera di grandi dimensioni; 1 letto matrimoniale largo e 2 letti singoli. In questa tipologia di camera, il 3° e 4° letto sono gratuiti.
- Camera Suite tipo:
antico “lamione” a volta di circa 90 con vasca in camera da letto e finestra con vista panoramica sulla Murgia. Caratterizzata da un massiccio portone in legno attraverso il quale si accede ai servizi e alla suggestiva doccia collocata in una cavità scavata nel tufo. Ingresso e terrazzo privato sull’orto dell’albergo. 1 letto matrimoniale largo e 2 letti singoli.
Culla gratuita in tutte le camere.


Ristorante: l’isolamento storico di queste aree, nonché l’attaccamento della popolazione alle tradizionali forme economiche, hanno favorito in queste valli recondite la persistenza di antiche forme di coltivazione e la sopravvivenza di varietà colturali altrove abbandonate o scomparse. Sono ancora diffuse alcune colture antiche, tipicamente mediterranee, come la lenticchia, il cece ed il farro. Persistono tuttora certe colture molto diffuse nel Medioevo come quella dello zafferano, dell’aneto e della pastinaca. Un ulteriore aspetto della cultura autoctona, è la tradizione gastronomica locale, un po’ più povera quella montana, per ovvia minore eco diversità, più articolata quella collinare.  Nel progetto menzionato, acquisiti i terreni limitrofi per una produzione diretta delle forniture alimentari, restaurato un edificio fortemente evocativo nel centro storico, dotato del più autentico arredamento, viene perseguita la tradizionale gastronomia della montagna abruzzese.
“Il ristorante è orientato sulla più genuina gastronomia locale con una gestione agricola in proprio per la produzione delle varietà colturali più caratterizzanti il territorio”. L’idea di fondo è stata riproporre in maniera puntuale questo patrimonio storico culturale così profondamente legato alla vita materiale delle popolazioni locali.


Trattamento speciale per gruppi più numerosi

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Date e prezzi
Prezzo
dal 01/09/19 al 22/12/20
Prezzo a persona in camera matrimoniale tipo pacchetto 4gg/3nt
€ 760

Supplementi

dal 01/09/19 al 22/12/20
Supplemento del periodo festivo e di una particolare tipologia di camera
€ 0
dal 01/09/19 al 22/12/20
Supplemento singola 30%
€ 0
Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Incluso/Escluso

I prezzi si riferiscono al pacchetto a persona per 4 giorni e 3 notti per un gruppo di minimo 12 persone (possibilità di quotare fino a 50 persone)
Periodo ideale: tutto l'anno


La quota comprende:
- Tour in bus con partenza da Roma (pullman G.T.)
- Pernottamento 3 notti in camera classic tipo con prima colazione
- 3 cene come da programma nel rifugio di Rocca Calascio e in un ristorante tipico di Santo Stefano di Sessanio
- Escursione trekking da Santo Stefano di Sessanio a Rocca Calascio (Trekking naturalistico e panoramico adatto a tutti)
- Escursione in canoa canadese con Aperitivo lungo le Sponde del fiume Tirino di durata di 3 ore
- Tour in e-bike con pedalata assistita nella Valle Del Tirino
- Quota di iscrizione e gestione pratica
- Assicurazione medico/bagaglio (contro infortuni) e annullamento


La quota non comprende:
- Su richiesta, quotazione di voli con partenze da tutti gli aeroporti Italiani verso l'aeroporto più vicino, Roma
- Su richiesta, quotazione di trasferimento a/r da aeroporto punto di partenza del tour a Roma
- Pensione completa su richiesta
- Tassa di soggiorno
- Extra e tutto ciò non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Appunti di Viaggio

BORGO DI CALASCIO
Il borgo di Calascio
è di origine normanna e si sviluppa intorno alla rocca; il suo aspetto fiabesco e medioevale ci lascia incantati. Qui, in un’’affascinante passeggiata nelle piccole viuzze, ammiriamo le casette in pietra, le case patrizie, il convento di S. Maria Delle Grazie (con all’interno il candelabro del XVII secolo e la tela di Giulio Bradeschini del XIV secolo), le chiese di S. Nicola (con il suo portale cinquecentesco di legno intagliato) e la Chiesa di S. Antonio Abate (1645).
L’attuale calascio deriva dalla fusione di due comunità: quella di calascio e quella di rocca calascio.
Per un lungo periodo i due borghi vissero in maniera indipendente l’uno dall’altro e con funzioni differenti, poi a seguito del terremoto violento del 1703, la Rocca danneggiata fu abbandonata e la popolazione si trasferì tutta nella sottostante calascio che da quel momento si sviluppa come unico centro abitato.
Lungo le vie del borgo, possiamo fermarci a gustare la cucina locale fatta di prodotti della terra; tipici sono la zuppa di lenticchie servita con quadratini di pane fritto in olio di oliva e  le volarelle, ovvero pasta fatta in casa e tagliata a quadretti che vengono servite con le patate o le salsicce. Ottima anche da gustare la carne degli allevamenti di agnelli dell’altopiano di campo imperatore e tipico è il piatto di agnello alla chiara e con formaggio e uovo.
Uscendo dal paese di Calascio e proseguendo il cammino lungo un sentiero sterrato, raggiungiamo la cappella di S. Maria della pietà; piccola chiesa ottagonale costruita dai pastori intorno al 1415 in ringraziamento alla vergine quando i soldati, in una sanguinosa battaglia, respinsero un gruppo di briganti del confinante stato pontificio; e qui sostiamo, incantati e intrappolati in un un meraviglioso panorama mozzafiato.
Proseguendo il sentiero, raggiungiamo infine la Rocca che sovrasta, imponente, il territorio circostante. Questa fu costruita a 1.520 metri di altitudine interamente in pietra bianca in epoca normanna (intorno all’anno 1140) per volontà di Ruggero D’altavilla. Negli anni la struttura venne ampliata e modificata e intorno al 1480 furono realizzate le 4 torri intorno all’originale torrione e la merlatura ghibellina sul modello di quella del torre di celano.
La fortezza domina la valle del Tirino e l’altopiano di Navelli e aveva un uso esclusivamente militare infatti la sua posizione era molto favorevole dal punto di vista difensivo ed era utilizzato come punto d’osservazione militare in comunicazione con altre torri e castelli vicini, sino all’adriatico con la Torre di Cerrano.


Curiosità
A partire dagli anni ottanta del xx secolo il comprensorio aquilano del gran sasso ed in particolare la rocca di calascio sono stati utilizzati some ambientazione per numerosi film. Il primo e principale lungometraggio girato è Lady Hawke (usa, 1985) in cui la rocca (allora non ancora restaurata) era il rifugio dell’eremita impersonato da Leo Mckern. L’anno successivo venne ambientato nella rocca il nome della rosa (fra-ger-ita, 1986) con Sean Connery, mentre successivamente sono stati ambientati il viaggio della sposa (ita, 1997) e l’orizzonte degli eventi (ita, 2005). Più recente è stato il set per la serie padre pio della rai (ita, 2006). La rocca è visibile anche in alcune scene del film the american (usa, 2010) con George Clooney, interamente girato nella provincia dell’aquila, in particolare tra castel del monte, calascio e castelvecchio calvisio.


Grotte di Stiffe
Il nostro viaggio prosegue nel cuore del Parco Sirente Velino, visitando le Grotte di Stiffe; queste sono uno dei fenomeni carsici più conosciuti d’Italia. All’interno delle grotte, lungo un cammino di circa 700 metri, possiamo ammirare meravigliose cascate d’acqua e seguire il suggestivo torrente sotterraneo!  La grotta infatti può essere definita una”risorgenza” ovvero una cavità dal cui interno fuoriesce un corso d’acqua.
Terminata la visita alle grotte, ci si può riposare nel punto di ristoro di Aquilanda e visitare questo piccolo museo dell’Abruzzo in miniatura.
Canoa su Tirino
Scendendo lungo la Statale e proseguendo verso Bussi, ci attende questa bellissima e incantevole esperienza in canoa lungo il fiume Tirino. Accompagnati dal nostro istruttore, navighiamo lungo le acque limpide e cristalline del fiume che lasciano penetrare i raggi del sole per diversi metri. La temperatura costante e l’abbondante ossigenazione permettono alla trota Fario, specie autoctona, di essere l’unica tipologia di pesce che popola il Tirino. Nel silenzio e nella pace di queste acque, inoltre possiamo ammirare la vegetazione lussureggiante e il volo di eleganti stormi di aironi.


ABBIGLIAMENTO: attrezziarsi con scarpe da ginnastica o scarpe da trekking per le varie visite guidate. Possibilmente munirsi di bastone da montagna. Non portare passeggini, ma in caso di presenza di bambini neonati, munirsi di sacche/marsupi


INFORMAZIONI AGGIUNTIVE:
Alla scoperta del patrimonio storico-artistico, artigianale e gastronomico dei piccoli borghi “più belli d’Italia”, piccoli centri assolutamente da visitare…
Tour e introduzione alla storia del Borgo di Santo Stefano di Sessanio provincia di L'Aquila.
Le Terre della Baronia
: Rocca Calascio e Castel del Monte
Visita guidata a Castelli, ai piedi del Gran Sasso, fa parte del club i Borghi più belli d’Italia; è famoso in tutto il mondo per la produzione di ceramiche, per la qualità del design ma soprattutto per la finezza della decorazione. Il Comune ospita l’interessante eparticolare Museo della ceramica. È possibile inoltre visitare una delle più antiche botteghe maiolicare che produce ancora artigianalmente le ceramiche
cuocendole in antichi forni.
Lungo il Tratturo Magno: visita guidata a Castelvecchio Calvisio e la chiesa di San Cipriano, area archeologica di Peltuinum, Bominaco e le sue chiese, Navelli (club i Borghi più belli d’Italia)
Il castello di Rocca Calascio: a cavallo di una cresta, domina il versante di Campo imperatore a nord e l’altipiano di Navelli a sud fino alla conca aquilana ad ovest. Stupendo, di pietra bianchissima, dalle torri cilindriche, il castello è ben visibile e staglialo nel cielo. La sua posizione panoramica e alta (1 500 m), le sue forme tipicamente medioevali e l’enorme, selvaggia distesa di Campo Imperatore, sotto le sue mura, hanno ispirato più di un regista per girare film d’epoca o fantastici tipo Conan il Barbaro o Lady Hawke.
Rifugio Racollo
Campo Imperatore – Il Gran Sasso d’Italia: il rifugio è posizionato non lontano dal bivio fra la SS 17 e la strada che da Santo Stefano di Sessanio sale a Campo Imperatore. Dal rifugio si può tranquillamente godere di un buon panorama sul Corno Grande e una magnifica vista sul Monte Prena, sul Monte Camicia e sul più basso Monte Bolza.
Fonte Vetica
è la zona sud-est di Campo Imperatore, attestata ad una quota di 1532 m. Nei pressi si trova, inoltre, la zona cosiddetta dei macelli in cui punti di ristoro fisso vendono salumi, insaccati, formaggi e carne fresca (tra cui i tipici arrosticini) da cucinare all’esterno in apposite aree attrezzate con tavoli, fornacelle e carbone.
A quota 2130 m sorge lo storico albergo dove nel 1943 fu tenuto prigioniero Benito Mussolini, a 2145 m si stagliano le cupole dell’Osservatorio astronomico, dotato di un telescopio di oltre un metro di diametro. Nei pressi c’è la piccola chiesa della Madonna della neve.
L’Orto Botanico
del Monastero di San Colombo: nasce con l’intento di offrire una panoramica della flora, degli ambienti e dei paesaggi del Parco, in particolare della catena del Gran Sasso. L’Ente Parco riproduce e coltiva le specie minacciate d’estinzione al fine di attuare un’efficace conservazione “ex-situ”. I ricercatori del Centro Ricerche Floristiche dell’Appennino coltivano, a scopo di ricerca, specie ancora sconosciute alla scienza o quasi.

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!

Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!